Privacy Policy
Seleziona una pagina
Un Wikidata workshop

Un Wikidata workshop

L’obiettivo è chiaro: creare su Wikidata – la base dati per ogni informazione contenuta su Wikipedia e in tutti i progetti Wiki – la principale e più completa fonte globale di dati sulla politica. Se lo pongono Wikimedia Foundation e MySociety che, per riuscirci, sostengono, in diversi paesi europei, tra cui l’Italia, l’organizzazione di workshop durante la GLOW (Global Legislative Openness Week).

Il workshop italiano è organizzato dalle associazioni Parliament Watch Italia e onData, in collaborazione con OpenDataSicilia. Si svolgerà a Messina, presso la Libreria Colapesce, il 28 novembre a partire dalle 9.00.

Con il supporto di Tony Bowden, ideatore del progetto EveryPolitician, il gruppo di lavoro ha il compito di inserire su Wikidata le informazioni disponibili sugli attuali membri del Parlamento Italiano. Successivamente i dati saranno interrogati per realizzare grafici e mappe che presentino la questione del gender balance nella politica italiana.

Un po’ come ha fatto in Germania il Der Spiegel, proprio con i dati del progetto EveryPolitician.

Nel pomeriggio, a partire dalle 16.00, il workshop diventa tavola rotonda, aperta a chi è interessato a saperne di più su cos’è Wikidata, che dati ospita, come contribuire al progetto e perché, tra questi, è fondamentale che ci siano buoni dati sulla politica. 

La partecipazione è gratuita. Per iscriverti compila il form.

12 + 1 =

L’intervento alla Bocconi

L’intervento alla Bocconi

Il 26 maggio, tra le 15 e le 17 all’Università Bocconi di Milano, Parliament Watch Italia partecipa all’incontro “L’Open Data: trasparenza, partecipazione civica e crescita sostenibile“, organizzato da Prioritalia all’interno del Festival dello Sviluppo Sostenibile. In particolare, Francesco Saija di PWI interverrà durante la II sessione – “Favorire gli spazi di partecipazione della società civile attraverso trasparenza e accesso”, insieme a Federico Anghelé di Riparte il Futuro, Vittorio Alvino di OpenPolis e David Maria Mariani del Ministero dello Sviluppo Economico. Modera Filippo Salone, di Prioritalia.

Il primo Festival dello Sviluppo Sostenibile è promosso da ASviS, l’alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile che riunisce oltre 160 organizzazioni e reti della società civile, per sostenere il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile individuati dell’Assemblea Generale dell’Onu nel settembre 2015.

Qui il programma della giornata

Qui il link per la registrazione gratuita

I 7 giorni dell’OpenGov

I 7 giorni dell’OpenGov

Dal 4 all’11 marzo anche a Messina incontri pubblici, seminari e un hackathon per la Settimana dell’Amministrazione Aperta

Il Comune di Messina aderisce all’iniziativa nazionale e organizza, in collaborazione con l’associazione Parliament Watch Italia, dal 4 all’11 marzo, dibattiti pubblici, seminari e hackathon per la Settimana dell’Amministrazione Aperta: sette giorni di iniziative in tutta Italia per promuovere la cultura e la pratica della trasparenza, della partecipazione e della collaborazione sia nelle amministrazioni pubbliche che nella società.

“Messina Amministrazione Aperta” è l’evento di apertura, in programma il 4 marzo, nel Salone delle Bandiere, dalle 10.00 alle 13.00. L’incontro pubblico ha l’obiettivo di presentare i lavori previsti dal programma della Settimana dell’Amministrazione Aperta e di condividere con la cittadinanza il percorso già avviato sui temi per costruire nuove forme di collaborazione.

Il monitoraggio civico dei lavori pubblici è l’argomento dei lavori pomeridiani, aperti dalle esperienze sul campo dell’ITC Jaci e dell’IIS Antonello che presenteranno i loro lavori di monitoraggio sulla realizzazione del Centro di Eccellenza Oncologico presso l’Ospedale Papardo e sull’apertura della nuova sede del Museo Regionale di Messina. Concluderà la giornata al Salone delle Bandiere l’intervento dell’assessore Sergio De Cola che presenterà la proposta per l’introduzione del contratto di monitoraggio civico per le gare d’appalto del Comune di Messina.

Al Palacultura, nel pomeriggio del 4 marzo, sarà lanciato l’OpenGov Hackathon. Si tratta di un evento, organizzato insieme all’associazione Startup Messina con il sostegno di AMAM e IDS & Unitelm, al quale parteciperanno esperti di diversi settori dell’informatica: sviluppatori di software, programmatori, grafici web.

La loro partecipazione è legata alla realizzazione di servizi informatici indicati dall’amministrazione comunale. L’hackathon si concluderà sabato 10 marzo. Per partecipare ci si può iscrivere al modulo disponibile a questo link: http://startupmessina.org/opengov-application

Il 7 marzo, alle 15.00, in Sala Giunta, l’amministrazione invita i cittadini che hanno partecipato alla consultazione pubblica sul Piano di Open Government della città di Messina alla stesura partecipata del report sulla consultazione, che servirà ad integrare nella versione definitiva del Piano le proposte e i commenti ricevuti nei 40 giorni di durata della consultazione pubblica.

L’11 marzo, tra le 10.00 e le 13.00, nel Salone delle Bandiere si svolgerà il seminario per cittadini e dipendenti del Comune intitolato “L’accesso civico: come fare per conoscere dati, informazioni e documenti della pubblica amministrazione. A curarlo Laura Strano, fondatrice della community Facebook “Trasparenza siti web PA”.

Chiude il programma della Settimana dell’Amministrazione Aperta la presentazione degli strumenti informatici realizzati durante l’Hackathon e la premiazione dei team vincitori, a partire dalle 16.30 nella Sala UrbanLab del Palacultura.

Il programma con il dettaglio degli eventi è disponibile sul sito del Comune di Messina e su quello dell’associazione Parliament Watch Italia.

Le informazioni sull’hackathon sono disponibili qui: http://startupmessina.org/opengov.

Le iniziative previste in Italia sono pubblicate qui: open.gov.it/saa

Collaborano all’organizzazione e partecipano agli eventi della Settimana dell’Amministrazione Aperta: Parliament Watch Italia, IDS & Unitelm, AMAM, Startup Messina, RadioStreet Messina, Letteraemme, Keedra.com, Lo Stretto Digitale, Agoghè Innovazione Sociale, il Dipartimento COSPECS dell’Università di Messina, Ondata, Open Data Sicilia, Stati Generali dell’Innovazione e International Web Association.

#ODSwinter a Castelbuono

#ODSwinter a Castelbuono

Parliament Watch Italia partecipa al raduno invernale della comunità di Open Data Sicilia, in programma il 28 e il 29 dicembre a Castelbuono. Rilanciamo qui il programma della due giorni. Noi contribuiamo con la presentazione del piano di Open Government della città di Messina.

Orario Descrizione
9:30 Intro – Inizio lavori
9:45 L’impatto degli open data: riflessioni di fino anno sul bilancio di quanto fatto PA, dai professionisti, dalla società civile e sopratutto da noi di OpenDataSicilia. Un panel a più voci
11:00 Il “Curriculo Digitale”, opportunità per le scuole di aumentare le competenze digitali di studenti e docenti operando con open data, mappatura crowdsourcing del territorio e piattaforme di narrazione collettiva; Ida Mariolo dell’IPS EInaudi Pareto di Palermo e Ciro Spataro
12:00 Reazioni a catena

13:00 Buffet
14:15 Presentazione tavoli e gruppi di lavoro pomeridiani, e successivo avvio
17:30 I tavoli presentano i risultati

Il 29 dicembre non sono previsti talk e interventi, ma sarà una giornata di katzegment di comunità per chi si ferma a dormire a castelbuono :-)

#ODS16 a Messina

#ODS16 a Messina

Potevamo perderci il raduno Open Data Sicilia, tenuto a Messina dal 2 al 4 settembre? No che non potevamo. E infatti, Parliament Watch Italia è stata presente in forze all’intensissima tre giorni organizzata dalla più agguerrita comunità open data d’Italia, tanto che il vicepresidente Giuseppe D’Avella è stato chiamato a moderare una delle tavole rotonde che si sono tenute nei locali ex Magistero, oggi scienza della Formazione, dell’università di Messina. Tra i relatori che si sono succeduti, anche Ernesto Bellisario, coordinatore di Open Government Partnership Italy, che ha ricordato come, grazie alla partnership con PWI, Messina è stata l’unica città italiana ad essere ammessa al programma pilota di OGP dedicato ai governi locali, e Vittorio Alvino, presidente di OpenPolis, che al raduno ha parlato del nuovo tool di analisi e monitoraggio delle contabilità dei comuni, OpenBilanci. E proprio ad OpenBilanci il comune di Messina ha deciso di aderire, tra le prime città d’Italia. Ad annunciarlo, il segretario generale di palazzo Zanca Antonio le Donne, che ha seguito attivamente i lavori di tutti e tre i giorni, e che si è distinto durante uno dei dibattiti con un intervento, sulla necessitò di collaborazione tra amministrazioni locali e società civile, accolto con particolare interesse dai presenti.

Rete Innovazione SUD

Rete Innovazione SUD

L’associazione Reboot, con la collaborazione di altre associazioni e gruppi informali del SUD, tra cui Lo Stretto Digitale, StartUp Messina, Agoghè – Innovazione Sociale, FabLab Messina e PWI, organizza sabato 21 maggio a Messina il secondo infoday – dopo Cosenza, lo scorso dicembre – di  “Rete Innovazione SUD”, occasione di incontro per creare legami, sviluppare competenze ed attivare cambiamenti  sui temi dell’innovazione sociale e tecnologica.

La sede dell’evento è la Chiesa di S.Maria Alemanna in Via S.Elia a Messina.

Ecco il programma:

ore 9.30_ iscrizione partecipanti

ore 10.00 _presentazione 2° TAPPA info RETE INNOVAZIONE SUD

ore 10.10_ Presentazione associazioni presenti (2′ per ogni Associazione)

ore 11.10 _pausa caffè

ore 11.30 _Primo Intervento programmato “Valutare l’impatto sostenibile e sociale dei progetti di innovazione” – Prof.ssa Arch. Consuelo Nava

ore 12.30 _Secondo intervento programmato “Valutare l’impatto economico dei progetti di innovazione” – Prof. Gaetano Giunta, segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina

ore 13.30_ Pausa pranzo

ore 14.30_ Presentazione /Racconto caso-vincitore bando di innovazione / talk con i presenti

ore 15.30 _Sessione di team work su bando con facilitatori

(Pietro Lanzafame – Grazia Gatto – Simona Vigile. Francesca Timpano)

ore 17.30_ Presentazione risultati team work

ore 18.30_ Fine lavori