Privacy Policy
Seleziona una pagina
SAA 2018

SAA 2018

Per il secondo anno consecutivo il Comune di Messina aderisce alla Settimana dell’Amministrazione Aperta, iniziativa nazionale per promuovere la cultura e la pratica della trasparenza, della partecipazione e dell’accountability sia nelle amministrazioni pubbliche che nella società.

L’appuntamento messinese, organizzato in collaborazione con l’associazione Parliament Watch Italia ed in programma sabato 10 febbraio, a partire dalle 15.30, presso il Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, sarà introdotto dall’assessore all’innovazione tecnologica del Comune di Messina Sergio De Cola, che traccerà il percorso avviato e compiuto dall’amministrazione sui temi della Settimana dell’Amministrazione Aperta.

La prima parte dell’incontro si concentra sul ruolo degli strumenti digitali per favorire la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali. In apertura Giuseppe Arrigo di Startup Messina presenta il tool “Bella domanda”, nato per rendere accessibili ai cittadini le interrogazioni dei consiglieri comunali. Il tool permetterà anche al cittadino di valutare l’interrogazione, segnalando il proprio interesse sul tema trattato.

A seguire Dimitri De Porzio di Datanet s.r.l. presenta un’app realizzata per il Comune e pensata per rendere facilmente disponibile l’informazione sui servizi in città.

Infine Enza Giangreco di Engineering Ingegneria Informatica Spa – attività di Ricerca presenta il tool denominato “Un ideario per le circoscrizioni”. L’obiettivo è, ancora, facilitare la partecipazione dei cittadini al processo decisionale,  in questo caso dei consigli circoscrizionali, tramite la raccolta di opinioni sulle delibere presentate e in fase di discussione e la possibilità di proporre argomenti per nuove delibere.

La seconda parte dell’evento affronta il tema della partecipazione in ottica anti-corruzione.

In apertura, spazio all’intervento in video conferenza di Chiara Putaturo (Transparency International Italia) che illustra l’attività condotta in Italia da Transparency International per collaborare con i cittadini nella prevenzione del malaffare negli appalti pubblici.

Segue la presentazione dei lavori di monitoraggio sui lavori in corso sul viadotto Ritiro, condotto nell’ambito del progetto del MIUR “A scuola di OpenCoesione dai ragazzi del Liceo Classico “G.La Farina”.

In chiusura Francesco Saija di Parliament Watch Italia presenta l’attività condotta a Messina per la creazione e la sostenibilità di un ecosistema cittadino di monitoraggio civico, a partire da quanto indicato dalla delibera 789 del 2017 del Comune che avvia un processo di monitoraggio per la realizzazione del secondo Palazzo di Giustizia in città.

Nella terza e conclusiva parte si discuterà di partecipazione e condivisione di scelte sul futuro della città. La sessione è aperta dall’intervento dell’assessore Daniele Ialacqua, centrato sulla funzione della partecipazione come leva di cambiamento della pubblica amministrazione e del governo delle città. In questa direzione, l’assessorato ha promosso il progetto “Microspazi urbani”. Il relativo lavoro di progettazione partecipata di quattro spazi cittadini è presentato in chiusura dei lavori del 10 febbraio dall’architetto Mariafrancesca Gioffré.

SM_Settimana-dell'amministrazione-aperta2018_locandina_v2.1

La conferenza di Tirana

La conferenza di Tirana

Parliament Watch Italia partecipa a “Corruption-Free Cities of the Future”, la conferenza co-organizzata da UNPD e dal network anticorruzione di OECD, in programma in Albania, a Tirana, il 7 e l’8 dicembre 2017.

L’associazione è rappresentata dal presidente Francesco Saija, ospite del panel intitolato “Targeting corruption during distribution of resources at the local levels”. L’intervento di PWI si concentra sulle pratiche per rinforzare i meccanismi di monitoraggio civico sugli appalti pubblici in Italia, con la presentazione del progetto pilota in corso a Messina.

 

Un Wikidata workshop

Un Wikidata workshop

L’obiettivo è chiaro: creare su Wikidata – la base dati per ogni informazione contenuta su Wikipedia e in tutti i progetti Wiki – la principale e più completa fonte globale di dati sulla politica. Se lo pongono Wikimedia Foundation e MySociety che, per riuscirci, sostengono, in diversi paesi europei, tra cui l’Italia, l’organizzazione di workshop durante la GLOW (Global Legislative Openness Week).

Il workshop italiano è organizzato dalle associazioni Parliament Watch Italia e onData, in collaborazione con OpenDataSicilia. Si svolgerà a Messina, presso la Libreria Colapesce, il 28 novembre a partire dalle 9.00.

Con il supporto di Tony Bowden, ideatore del progetto EveryPolitician, il gruppo di lavoro ha il compito di inserire su Wikidata le informazioni disponibili sugli attuali membri del Parlamento Italiano. Successivamente i dati saranno interrogati per realizzare grafici e mappe che presentino la questione del gender balance nella politica italiana.

Un po’ come ha fatto in Germania il Der Spiegel, proprio con i dati del progetto EveryPolitician.

Nel pomeriggio, a partire dalle 16.00, il workshop diventa tavola rotonda, aperta a chi è interessato a saperne di più su cos’è Wikidata, che dati ospita, come contribuire al progetto e perché, tra questi, è fondamentale che ci siano buoni dati sulla politica. 

La partecipazione è gratuita. Per iscriverti compila il form.

2 + 10 =

L’intervento alla Bocconi

L’intervento alla Bocconi

Il 26 maggio, tra le 15 e le 17 all’Università Bocconi di Milano, Parliament Watch Italia partecipa all’incontro “L’Open Data: trasparenza, partecipazione civica e crescita sostenibile“, organizzato da Prioritalia all’interno del Festival dello Sviluppo Sostenibile. In particolare, Francesco Saija di PWI interverrà durante la II sessione – “Favorire gli spazi di partecipazione della società civile attraverso trasparenza e accesso”, insieme a Federico Anghelé di Riparte il Futuro, Vittorio Alvino di OpenPolis e David Maria Mariani del Ministero dello Sviluppo Economico. Modera Filippo Salone, di Prioritalia.

Il primo Festival dello Sviluppo Sostenibile è promosso da ASviS, l’alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile che riunisce oltre 160 organizzazioni e reti della società civile, per sostenere il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile individuati dell’Assemblea Generale dell’Onu nel settembre 2015.

Qui il programma della giornata

Qui il link per la registrazione gratuita

I 7 giorni dell’OpenGov

I 7 giorni dell’OpenGov

Dal 4 all’11 marzo anche a Messina incontri pubblici, seminari e un hackathon per la Settimana dell’Amministrazione Aperta

Il Comune di Messina aderisce all’iniziativa nazionale e organizza, in collaborazione con l’associazione Parliament Watch Italia, dal 4 all’11 marzo, dibattiti pubblici, seminari e hackathon per la Settimana dell’Amministrazione Aperta: sette giorni di iniziative in tutta Italia per promuovere la cultura e la pratica della trasparenza, della partecipazione e della collaborazione sia nelle amministrazioni pubbliche che nella società.

“Messina Amministrazione Aperta” è l’evento di apertura, in programma il 4 marzo, nel Salone delle Bandiere, dalle 10.00 alle 13.00. L’incontro pubblico ha l’obiettivo di presentare i lavori previsti dal programma della Settimana dell’Amministrazione Aperta e di condividere con la cittadinanza il percorso già avviato sui temi per costruire nuove forme di collaborazione.

Il monitoraggio civico dei lavori pubblici è l’argomento dei lavori pomeridiani, aperti dalle esperienze sul campo dell’ITC Jaci e dell’IIS Antonello che presenteranno i loro lavori di monitoraggio sulla realizzazione del Centro di Eccellenza Oncologico presso l’Ospedale Papardo e sull’apertura della nuova sede del Museo Regionale di Messina. Concluderà la giornata al Salone delle Bandiere l’intervento dell’assessore Sergio De Cola che presenterà la proposta per l’introduzione del contratto di monitoraggio civico per le gare d’appalto del Comune di Messina.

Al Palacultura, nel pomeriggio del 4 marzo, sarà lanciato l’OpenGov Hackathon. Si tratta di un evento, organizzato insieme all’associazione Startup Messina con il sostegno di AMAM e IDS & Unitelm, al quale parteciperanno esperti di diversi settori dell’informatica: sviluppatori di software, programmatori, grafici web.

La loro partecipazione è legata alla realizzazione di servizi informatici indicati dall’amministrazione comunale. L’hackathon si concluderà sabato 10 marzo. Per partecipare ci si può iscrivere al modulo disponibile a questo link: http://startupmessina.org/opengov-application

Il 7 marzo, alle 15.00, in Sala Giunta, l’amministrazione invita i cittadini che hanno partecipato alla consultazione pubblica sul Piano di Open Government della città di Messina alla stesura partecipata del report sulla consultazione, che servirà ad integrare nella versione definitiva del Piano le proposte e i commenti ricevuti nei 40 giorni di durata della consultazione pubblica.

L’11 marzo, tra le 10.00 e le 13.00, nel Salone delle Bandiere si svolgerà il seminario per cittadini e dipendenti del Comune intitolato “L’accesso civico: come fare per conoscere dati, informazioni e documenti della pubblica amministrazione. A curarlo Laura Strano, fondatrice della community Facebook “Trasparenza siti web PA”.

Chiude il programma della Settimana dell’Amministrazione Aperta la presentazione degli strumenti informatici realizzati durante l’Hackathon e la premiazione dei team vincitori, a partire dalle 16.30 nella Sala UrbanLab del Palacultura.

Il programma con il dettaglio degli eventi è disponibile sul sito del Comune di Messina e su quello dell’associazione Parliament Watch Italia.

Le informazioni sull’hackathon sono disponibili qui: http://startupmessina.org/opengov.

Le iniziative previste in Italia sono pubblicate qui: open.gov.it/saa

Collaborano all’organizzazione e partecipano agli eventi della Settimana dell’Amministrazione Aperta: Parliament Watch Italia, IDS & Unitelm, AMAM, Startup Messina, RadioStreet Messina, Letteraemme, Keedra.com, Lo Stretto Digitale, Agoghè Innovazione Sociale, il Dipartimento COSPECS dell’Università di Messina, Ondata, Open Data Sicilia, Stati Generali dell’Innovazione e International Web Association.

#ODSwinter a Castelbuono

#ODSwinter a Castelbuono

Parliament Watch Italia partecipa al raduno invernale della comunità di Open Data Sicilia, in programma il 28 e il 29 dicembre a Castelbuono. Rilanciamo qui il programma della due giorni. Noi contribuiamo con la presentazione del piano di Open Government della città di Messina.

Orario Descrizione
9:30 Intro – Inizio lavori
9:45 L’impatto degli open data: riflessioni di fino anno sul bilancio di quanto fatto PA, dai professionisti, dalla società civile e sopratutto da noi di OpenDataSicilia. Un panel a più voci
11:00 Il “Curriculo Digitale”, opportunità per le scuole di aumentare le competenze digitali di studenti e docenti operando con open data, mappatura crowdsourcing del territorio e piattaforme di narrazione collettiva; Ida Mariolo dell’IPS EInaudi Pareto di Palermo e Ciro Spataro
12:00 Reazioni a catena

13:00 Buffet
14:15 Presentazione tavoli e gruppi di lavoro pomeridiani, e successivo avvio
17:30 I tavoli presentano i risultati

Il 29 dicembre non sono previsti talk e interventi, ma sarà una giornata di katzegment di comunità per chi si ferma a dormire a castelbuono :-)